Ancit
 
12/09/2011  Quando prenderà il via l'Iva al 21% ?

Prepariamoci a cambiare il nostro modo di fatturare, aggiorniamo i programmi, i fogli di calcolo, i registratori di cassa, insomma quello che usiamo per emettere fatture, ricevute fiscali e scontrini; i commercianti e quanti rilasciano ricevute fiscali intestino una nuova colonna del registro corrispettivi al 21%.

Soltanto l’aliquota del 20% aumenterà al 21%.

Nessuna modifica riguarderà i beni e i servizi che erano al 4%, al 10%, esenti o fuori campo: prestazioni sanitarie, pane, latte, frutta e verdura, abbigliamento, lenti e occhiali da vista, operazioni effettuate da chi opera nel regime dei minimi, lavori di ristrutturazione edilizia al 10% e via discorrendo.

Tutte le operazioni che prima erano fatturate al 20% dovranno essere fatturate (o scontrinate) con l’aliquota ordinaria del 21%.

L’unica domanda che per ora non ha risposta è: da quando ?

Un’ ipotesi ragionevole potrebbe essere dal 1 ottobre, per consentire agli operatori economici di adeguare i propri sistemi, informatici e non.

Lo Statuto del contribuente (legge 212 del 27/7/2000) imporrebbe 60 giorni.

Da anni però siamo abituati a vedere poco rispetto sia per l’uno che per l’altra; la recente tradizione normativa non permette di escludere la possibilità che la nuova aliquota possa entrare in vigore entro fine settimana, e più precisamente il giorno successivo alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale (che viene stampata in tarda serata) della manovra in discussione oggi alla Camera dei Deputati.



Indietro


 

Studio  dott. Simonini   ragioniere - dottore in economia - tributarista certificato UNI 11511:2013

Via  Caduti in Russia,  13  - 20086 -  Motta Visconti (MI)  P. IVA 04318200963

Professione disciplinata dalla Legge 4 del 14 gennaio 2013

Associato ANCIT Associazione Nazionale Consulenti Tributari Italiani


 

  Site Map