16/04/2010

Il Decreto Incentivi - sunto

Il sostegno alla domanda in particolari settori

Il Decreto Incentivi ha istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico un fondo pari, per l’anno 2010, a € 300 mln per il sostegno della domanda in particolari settori quali:
    • l’efficienza energetica;
    • l’eco-compatibilità;
    • la sicurezza sul lavoro.
Con Decreto del Ministro delle Sviluppo Economico, già approvato il 26 marzo scorso sono state definite le modalità di erogazione e di ripartizione dei contributi a tali settori, oltre che il tetto massimo di spesa per ciascuna tipologia di contributo. I contributi sono stati previsti sotto forma di riduzione del prezzo di vendita praticato dal cedente sull’acquisto di determinati beni.
In particolare, è stata prevista una riduzione del 10% sul costo di acquisto di una nuova cucina componibile completa di elettrodomestici da incasso ad alta efficienza energetica, per un limite massimo del singolo contributo pari a € 1.000.
Tale “sconto” si applica, però, alle seguenti condizioni:

  • i nuovi mobili da cucina devono essere corredati dalla c.d. “scheda prodotto”;
  • i nuovi mobili da cucina devono rispettare i requisiti previsti dal Decreto sulle emissioni di aldeide formica;
  • la nuova cucina componibile deve essere corredata di almeno 2 dei seguenti elettrodomestici ad alta efficienza energetica:
    - frigorifero/congelatore in classe A+ e A++;
    - forno in classe A;
    - piano di cottura a gas (se inserito) con dispositivo di sorveglianza fiamma;
    - lavastoviglie (se inserita) non inferiore alla classe A/A/A (A di efficienza energetica; A di efficienza di lavaggio; A di  efficienza di asciugatura);
  • la nuova cucina componibile deve essere già dotata di appositi contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti;
  • i requisiti di cui sopra devono essere attestati dal produttore tramite apposita autocertificazione o dichiarazione;
  • il venditore deve dichiarare, tramite autocertificazione, che la nuova cucina componibile acquistata è destinata a sostituire una cucina in uso.

Il prezzo di acquisto di eventuali elettrodomestici che non rispettano i requisiti di alta efficienza specificati sopra non concorre a formare il valore in base al quale viene calcolato il contributo.
Gli altri “sconti” previsti dal Ministero dello Sviluppo Economico sono i seguenti:

    • riduzione del 20% del costo, nel limite massimo del singolo contributo pari a € 130, per la sostituzione di una lavastoviglie già in uso con una nuova lavastoviglie avente classe energetica, capacità di lavaggio ed efficienza di asciugatura non inferiore alla classe A/A/A;
    • riduzione del 20% del costo, nel limite massimo del singolo contributo pari a € 80, per la sostituzione di un forno elettrico già in uso con un nuovo forno elettrico di classe energetica non inferiore alla classe A;
    • riduzione del 20% del costo, nel limite massimo del singolo contributo pari a € 80, per la sostituzione di un piano cottura già in uso con un nuovo piano cottura dotato di dispositivo di sorveglianza di fiamma (Fsd);
    • riduzione del 20% del costo, nel limite massimo del singolo contributo pari a € 100, per la sostituzione di una cucina di libera installazione già in uso con una nuova cucina di libera installazione dotata di forno elettrico di classe A e di piano cottura dotato di valvola di sicurezza gas (Fsd);
    • riduzione del 20% del costo, nel limite massimo del singolo contributo pari a € 500, per la sostituzione di una cappa già in uso con una nuova cappa climatizzata;
    • riduzione del 20% del costo, nel limite massimo del singolo contributo pari a € 400, per la sostituzione di scaldacqua elettrici con pompe di calore ad alta efficienza dedicate alla sola produzione di acqua calda sanitaria;
    • riduzione del 10% del costo, nel limite massimo del singolo contributo pari a € 750, per l’acquisto di un motociclo nuovo fino a 400 cc di cilindrata o con potenza non superiore a 70 kW di categoria “euro 3” con contestuale rottamazione di un motociclo o di un ciclomotore di categoria “euro 0” o “euro 1” mediante demolizione; l’incentivo è del 20% sino ad un massimo di “sconto” pari a € 1.500 se l’acquisto riguarda un motociclo dotato di alimentazione elettrica, doppia o esclusiva;
    • riduzione del 20% del costo, nel limite massimo del singolo contributo pari a € 1.000, per la sostituzione di motori fuoribordo di vecchia generazione con motori a basso impatto ambientale10 e di potenza fino a 75 kW;
   • riduzione del 50% del costo, nel limite massimo pari a € 200.000 per azienda, per l’acquisto di stampi per la laminazione sottovuoto degli scafi da diporto dotati di flangia perimetrale;
    • contributo pari a € 1.500 per l’acquisto di un nuovo rimorchio a timone o ad assi centrali, di categoria 0411 e dotato di dispositivo di frenata “Abs”, con contestuale radiazione di un vecchio rimorchio con più di 15 anni di età non dotato di dispositivo di frenata “Abs”; il contributo è aumentato a € 2.000 se il nuovo rimorchio è dotato, oltre che di “Abs”, anche di sistemi di controllo elettronico della stabilità;
    • contributo pari a € 3.000 per l’acquisto di un nuovo semirimorchio di categoria 04 e dotato di dispositivo di frenata “Abs”, con contestuale radiazione di un vecchio semirimorchio con più di 15 anni di età non dotato di dispositivo di frenata “Abs”; il contributo è aumentato a € 4.000 se il nuovo rimorchio è dotato, oltre che di “Abs”, anche di sistemi di controllo elettronico della stabilità;
    • riduzione del 10% del prezzo di listino, applicato dal concessionario o venditore, per l’acquisto di macchine agricole e movimento terra a motore, comprese quelle operatrici, rispondenti a determinate caratteristiche tecniche, in sostituzione di macchine o attrezzature agricole e movimento terra di fabbricazione anteriore al 31.12.1999, la cui demolizione dovrà essere certificata a pena di decadenza dal contributo; le macchine dovranno essere della stessa tipologia e con potenza non superiore del 50% all’originale rottamato;
    • riduzione del 20% del costo, nel limite massimo del singolo contributo pari a € 30.000, per l’acquisto di gru a torre per l’edilizia, a condizione che venga rottamata una vecchia gru a torre messa in esercizio prima del 1° gennaio 1985;
    • riduzione del 20% del costo, nel limite massimo del singolo contributo pari a € 40, per l’acquisto e l’installazione di inverter su impianti con potenza elettrica compresa tra 0,75 e 7,5 kW;
    • riduzione del 20% del costo, nel limite massimo del singolo contributo pari a € 50, per l’acquisto di motori ad alta efficienza (IE2) di potenza compresa tra 1 e 5 kW;
    • riduzione del 20% del costo, nel limite massimo del singolo contributo pari a € 100, per l’acquisto di Ups (gruppi statici di continuità) ad alta efficienza di potenza fino a 10 kVA;
    • riduzione del 20% del costo, nel limite massimo del singolo contributo pari a € 200, per l’acquisto di batterie di condensatori che contribuiscano alla riduzione delle perdite di energia elettrica sulle reti a media e bassa tensione;
    • contributo di € 50 a favore di giovani tra i 18 ed i 30 anni di età per l’attivazione di una rete a banda larga;
   • contributo di € 83 per metro quadro di superficie e nel limite massimo di € 5.000 per l’acquisto di immobili di nuova costruzione ad alta efficienza energetica adibiti a prima abitazione della famiglia con fabbisogno di energia primaria migliore almeno del 30% rispetto ai valori dell’allegato C, n. 1 della Tabella 1.3 del D. Lgs. n. 192/2005; tale contributo è pari a € 116 per metro quadro di superficie e nel limite massimo di € 7.000 se il fabbisogno di energia primaria migliora di almeno il 50% rispetto ai detti valori.

I contributi sono concessi alle operazioni di acquisto effettuate a partire dalla data di pubblicazione sulla G.U. del Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico e sino al 31.12.2010 e non sono cumulabili con altri benefici previsti per gli stessi beni da altre disposizioni agevolative, tranne nel caso di acquisto di edifici “verdi”, il cui contributo è compatibile con le agevolazioni “prima casa”.
Per l’acquisto di immobili di nuova costruzione ad alta efficienza energetica è, in ogni caso, richiesto, ai fini della concessione del contributo, l’attestato di certificazione energetica rilasciato da un soggetto accreditato.
Il venditore dovrà prenotare il contributo in favore dell’acquirente entro 20 giorni dalla data della stipula dell’atto di compravendita definitivo.
Il Decreto Incentivi, sempre nell’ambito delle misure a sostegno di particolari settori, ha previsto la detassazione dal reddito d’impresa del valore degli investimenti in attività di ricerca industriale e di sviluppo precompetitivo finalizzati alla realizzazione di campionari da parte delle imprese che svolgono le attività individuate dalle divisioni 13 (“industrie tessili”) e 14 (“confezione di articoli di abbigliamento; confezione di articoli in pelle e pelliccia”) della tabella dei codici attività ATECO 2007.
La detassazione è valida dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31.12.2009 e fino alla chiusura del periodo d’imposta in corso alla data del 31.12.2010 (quindi, per i contribuenti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare, l’agevolazione in esame è valida per il periodo d’imposta 2010).
L’agevolazione può essere fruita esclusivamente in sede di versamento del saldo delle imposte sui redditi dovute per il periodo d’imposta in cui sono stati effettuati gli investimenti e nel rispetto del limite previsto dal regolamento CE sugli aiuti di importanza minore (c.d. regola “de minimis”), fino all’autorizzazione della Commissione europea.
L’acconto dovuto per il periodo d’imposta successivo va, invece, determinato senza tener conto dell’agevolazione.
Sarà un Provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, da adottare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del Decreto Incentivi, a definire le modalità attuative per fruire dell’agevolazione.


Indietro


 

Studio  dott. Simonini   ragioniere - dottore in economia - tributarista certificato UNI 11511:2013

Via  Caduti in Russia,  13  - 20086 -  Motta Visconti (MI)  P. IVA 04318200963

Professione disciplinata dalla Legge 4 del 14 gennaio 2013

Associato ANCIT Associazione Nazionale Consulenti Tributari Italiani


 

  Site Map